la storia di golia... la mascotte del rescue!

Questo Rescue ha una mascotte ufficiale, un bouledogue che con tutte le sue sofferenze è diventato il portavoce dei nostri rescue, a lui dedicato il nostro logo, a lui il nostro slogan, dare

“VOCE A CHI VOCE NON HA”!

 

Golia è il frutto di accoppiamenti non garantiti, lo scarto di quello che può essere un vero bouledogue, venni chiamata in soccorso per lui e davanti alla sua immagine mi si chiuse il cuore, volevano sopprimerlo….

Quale essere che si definisca  umano può  decidere di fermare una vita? Perché lui non aveva diritto ad avere la sua?

 

 

 

Fu accolto con immenso amore nella nostra famiglia e promettemmo a questo cucciolo così indifeso che avremmo fatto tutto nel nostro possibile per dargli una vita dignitosa e soprattutto ricca d’amore e decidemmo di chiamarlo GOLIA!!!

Golia presentava una frattura dalla nascita alla zampa sinistra, ci consigliarono di aspettare che crescesse un po’ prima di eventualmente provare a mettere una protesi… durante questi mesi difficili, Golia si è dimostrato un grande guerriero, nonostante i mille tutori che continuava a mangiarsi e nonostante le 6 medicazioni al giorno che doveva subire, nonostante, i suoi problemi di crescita  era lui che trasmetteva felicità a noi...ogni sua scoperta, una gioia, ogni sua marachella, un sorriso, giorno dopo giorno è stato lui a far crescere noi, è stato lui a dimostrarci che con la FORZA DELL’AMORE si possono affrontare tante cose…

Nonostante le nostre costanti attenzioni, Golia iniziò a manifestare sempre più dolore, ricordo ancora le sue lacrime mentre lo abbracciavo … e a nemmeno un anno di vita,  il 17 febbraio 2016  (7 mesi) fu amputato della zampetta, non ci fu più nulla da fare, l’inizio di cancrena si era attivato, abbiamo conosciuto, l’ansia, lo sconforto, il dolore e  lacrime… chissà perché noi umani a volte non riusciamo a gestire i nostri sentimenti, ci ritrovammo con Golia che dava conforto a noi..

Dopo quell’intervento, avemmo la certezza che Golia era un bullo felice, perché non aveva più male; pensavamo, erroneamente, che per lui sarebbe stato un problema convivere con tre zampe o per lo meno credevamo che dovevamo fare del nostro meglio per aiutarlo a capire che doveva da quel giorno reinventarsi una “camminata”, ebbene, ancora una volta ci stupì, il giorno dopo l’operazione già camminava, barcollando, ma camminava o come dicevamo noi “zampettava”…

Golia oltre a questo piccolo problema ne ha avuti altri, quello inerente al suo problema di crescita, si alimentava poco, ancora oggi fa capricci per mangiare… è diventato un fratello meraviglioso per gli altri nostri adottati in casa ed è diventato simbolo di forza e soprattutto di speranza.

Oggi Golia rappresenta il RESCUE BOULEDOGUE FRANCESE ITALIA , AIUTA TUTTI I RESCUE IN DIFFICOLTA’.

Oggi golia è vivo e vive felice ed amato

Oggi Golia con il suo “ohhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhh ohhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhh” Annuncia sempre che c’è una bella notizia di adozione sul rescue.

 

Ha svariate manie questo cagnetto, d’inverno si trasforma nel RE DEL CEPPO, ama tutti i legnetti del mondo, cosi come in primavera ama distruggere le aiuole, mentre in estate è il guardiano della spazzatura


Ha anche un’altra mania, quella di sedersi sui suoi fratelli… non chiedetemi perché :)

Semplicemente SPECIALE…PERCHE’ I RESCUE SONO “SPECIALI”


Questa è la storia di Golia, un bouledogue destinato ad essere soppresso, questa è la storia di quando a parlare è il cuore!

Non fermatevi davanti a delle difficoltà, andate oltre il “vedere”, lui oggi vive ed è felice perché si è avuto il coraggio di ascoltare il cuore e di ADOTTARE, perché adottare rende noi umani migliori!

Golia continuerà a lottare per i suoi amici “rescue” perché lui ce l ha fatta ed è giusto che anche altri possano avere la loro seconda  possibilità… ed ecco perché: “AMORE PORTA AMORE”